Luca Postregna
Sindaco di Stregna, Udine

Vuoi leggere i reports del processo partecipativo del piano paesaggistico? #vallidelnatisone

Vuoi leggere i reports del processo partecipativo del piano paesaggistico? #vallidelnatisone

Savogna, San Leonardo, Grimacco, Drenchia, Prepotto e Stregna (capofila) hanno concluso le attività legate al processo partecipativo in vista della redazione del Piano Paesaggistico Regionale (LR 5/20107 art. 57 c. 4).

Nei mesi passati infatti sono state svolte numerose attività, tra le quali:

Successivamente, l'arch. Paola Cigalotto ed i facilitatori dott.ssa Susanna Loszach e dott. Valentino Floreancig hanno elaborato tre documenti:

Immagini scenari ed azioni

Questo documento è una rivisitazione della presentazione discussa dall'arch. Cigalotto all'ultimo tavolo partecipativo congiunto svoltosi a Tribil Superiore lo scorso 29 marzo:

Reports

I reports invece approfondiscono le discussioni che si sono sviluppate nei tavoli partecipativi con il contributo diretto delle persone del territorio e coordinati dai facilitatori:

Interviste

Il fascicolo interviste comprende infine i contributi di tre persone specifiche:

  • la signora Lina Crisetig di Postregna (Stregna) ha approfondito l'utilizzo delle erbe spontanee
  • il signor Giovanni Coren di Ponteacco (San Pietro al Natisone) ha discusso il tema del paesaggio naturalmente artificiale e dei terrazzamenti
  • il signor Lauro Iacolettig di Brischis (Prepotto) ha parlato della toponomastica come strumento conoscitivo del paesaggio.

I documenti sono disponibili anche sul sito del comune di Stregna alla pagina http://www.comune.stregna.ud.it/index.php?id=40737.

Approfondimenti:

Prospettive

Oltre all'aspetto tecnico statutario, la redazione del piano paesaggistico regionale del Friuli Venezia Giulia ha sostenuto una importante opera di catalogazione degli elementi di pregio e degrado del territorio. Anche dall'ultimo tavolo di confronto con l'assessore regionale alla pianificazione territoriale arch. Mariagrazia Santoro sono stati segnalati degli importanti elementi che caratterizzano le Valli del Natisone, quali i terrazzamenti, i quali saranno certamente richiamati appunto nel piano paesaggistico.

Questo ed altri elementi, come ad esempio le risorse idriche, la biodiversità, la sentieristica e la mobilità lenta, mi auguro troveranno spazio negli accordi di programma da avviare nei prossimi mesi tra i comuni e le amministrazioni comunali.

Saluti,
Luca.